NEWS MARZO DA PACIFIC TRAVEL
 
Pacific Travel Con noi ovunque
 
mercoledì 24 febbraio 2016 Home

NEWS MARZO DA PACIFIC TRAVEL

INDIMENTICABILE ARGENTINA

5 Aprile 2016 .........una partenza unica per un viaggio unico!!! con solo 990 euro
Hotelplan dà il via alla seconda edizione di "Indimenticabile..." - tour di breve durata che consentono di "assaggiare il sapore" di un paese a prezzi veramente speciali - che ad aprile dal 5 al 12 aprile condurrà in Argentina a un prezzo eccezionale, dove gli ospiti potranno viaggiare in totale tranquillità accompagnati, nel corso delle escursioni,  da un'esperta guida locale parlante italiano.  Con queste nostre iniziative vorremmo dare la possibilità anche a chi ha budget più limitati di assaporare dei piccoli angoli di mondo: tour brevi, a prezzi eccezionali, che consentono di avere un primo indimenticabile incontro con paesi e culture lontani". Il viaggio prende il via dalla suggestiva Patagonia argentina, più precisamente da El Calafate, dove si potranno ammirare  paesaggi naturali unici al mondo: tra gli oltre 7.000km² quadrati del Parco Nazionale dei Ghiacciai, patrimonio UNESCO, il Perito Moreno (il più lungo ghiacciaio in movimento del mondo) incanterà gli spettatori sovrastandoli con i suoi 60 metri d'altezza sulla superficie dell'acqua; e per chi lo desiderasse, il bianco accecante del ghiaccio potrà colorare anche la giornata dedicata alla navigazione sul Lago Argentino, arrivando fino al cospetto dei ghiacciai Upsala e Spegazzini. Dagli spettacoli della natura alla vivacità della città per un'indimenticabile due giorni dedicata a Buenos Aires. Vibrante, cosmopolita, calda e accogliente la Parigi del Sudamerica ammalierà  tra sontuosi viali, caffè d'epoca e ristoranti alla moda, monumenti imponenti, edifici coloniali e quartieri dai colori accesi. "Indimenticabile Argentina" prevede un'unica partenza, il 5 aprile, per un pacchetto di 8 giorni/5 notti con quote a partire da 990 euro(tasse aeroportuali escluse ca 365 euro) che includono voli intercontinentali da Roma (possibilità di richiedere avvicinamenti dai principali aeroporti italiani), trasferimenti, sistemazione in hotel 4 stelle superiore con trattamento di pernottamento e prima colazione, alcune escursioni con guide locali parlanti italiano, accompagnatore Hotelplan dall'Italia.

CLICCA QUI PER CONSULTARE IL PROGRAMMA DI VIAGGIO

UN MAGICO WEEKEND DI INIZIO ESTATE

Un evento unico per i nostri Clienti.
Il Santo Stefano Club Viaggi World Resort sarà aperto dal 2 al 5 giugno. Ed è proprio in queste date, che vi proponiamo un weekend esclusivamente dedicato ad adulti, predispondendo insieme allo Staff eventi dedicati.
Il Santo Stefano Club Viaggi World Resort si trova direttamente sul mare dell'omonima isola parte dell'arcipelago di La Maddalena, piccolo paradiso naturale selvaggio ed incontaminato della Sardegna nord-orientale situato proprio di fronte alla località di Palau.

Il Santo Stefano Resort rappresenta la location ideale per chi vuole trascorrere le proprie vacanze sul mare e a contatto con la natura più pura – basti pensare che l'isola è vietata al transito dei veicoli – il Villaggio è un'oasi che si integra perfettamente nella macchia mediterranea, con strutture di granito rosa ed un mare che nulla ha da inviare a quello dei Caraibi. Un ambiente rilassante e coinvolgente, la semplicità degli arredi e l'accuratezza dei dettagli danno nuove sfumature al concetto  di comfort.
A Santo Stefano Resort la cucina si fa arte,  frutto della grande esperienza e della sconfinata ricerca degli Chef.
I migliori professionisti del mondo dello sport, dello spettacolo, della musica, si muovono con discrezione e armonia con la voglia di benessere e divertimento e grazie alle numerose attività proposte, rendono il Santo Stefano Resort la struttura ideale per un magico weekend di inizio estate....

Soggiorno dal 2 al 5 Giugno 2016 con trattamento di pensione completa con bevande ai pasti da euro 230,00 a persona
Traghetto A/R da Livorno e trasferimenti da euro 84,00 a persona


CLICCA QUI PER VEDERE IL RESORT

VIAGGIARE

C’è una puntata di Sex&TheCity in cui Miranda fa notare a Carrie quante paia di scarpe abbia nell’armadio e facendo una media del costo di Manolo Blahnik, Louboutin e Jimmi Choo, le fa presto scoprire quanti soldi Carrie abbia speso nel corso degli anni per impreziosire le sue giornate e la sua strepitosa scarpiera. E Carrie ci rimane male.
Ieri, per caso, ho dovuto calcolare il numero dei viaggi fatti, degli aerei presi e delle destinazioni viste in questi 30 anni con i miei occhi e ne è venuto fuori un numero impressionante.  Mi è venuto in mente l’episodio di Carrie e a spanne ho cercato di calcolare quanti soldi ho speso per viaggiare e ho constatato che la somma, pur approssimativa, è ancor più sconvolgente. Certo, spalmata nel corso degli anni fa meno effetto, ma rivista così, in un numero solo, scritto a mano in un foglio sulla scrivania, provoca un certo scompenso.
Poi ho pensato alle esperienze che ho avuto il piacere di fare e ho iniziato a sorridere. Nessun conto in banca mi arricchirà quanto l’aver viaggiato.
Scoprire come avviene un matrimonio tra due ragazzi in Zimbabwe in cui si negoziano ancora buoi e capre; capire perché la divinità Ganesh abbia quella forma particolare mentre siamo seduti davanti ad un lago sacro; guidare tra le strade americane a 6 corsie cantando Fix You e usando una bottiglia di plastica come microfono; prendere un aereo da sola; cucinare assieme alle ragazze di Keyodhoo e cercare di imparare il dhivehi per interagire meglio; restare immobili davanti al ruggito di un leone a 15 metri da me; provare per la prima volta il sushi vero, quello fatto da veri cuochi giapponesi nella loro patria, dopo averlo ordinato a gesti; sorseggiare un bicchiere di the al miele sul Delta del Mekong; alzare la testa e trovarsi davanti l’albero illuminato di Rockfeller Center, presente in ogni film di Natale che si rispetti; restare meravigliata davanti alla bellezza dei colori del mare delle Maldive e di Anguilla; svegliarsi e passeggiare a Central Park con la neve e fare i salti di gioia sapendo che il volo di ritorno è stato posticipato di un giorno; mettere maschera, pinne e boccaglio e stupirsi davanti alla barriera corallina, alle tartarughe e alle mante; fingere di essere il  maestro d’orchestra a Vienna e agitare la bacchetta al ritmo della marcia di Radetzky; poter stringere la mano all’unico e vero Babbo Natale, in Lapponia; lamentarsi di come gli spagnoli escano troppo tardi la sera; prendere il treno notturno Mosca-San Pietroburgo senza il minimo timore; vedere per la prima volta gli elefanti in natura e averne anche paura; assistere ad una partita di Nba con hot dog e hamburger ordinati a fine primo tempo, pagaiare sul fiume Zambesi col rischio di finire sopra agli ippopotami; vedere con i miei occhi quanto kitsch sia il Venetian a Las Vegas e come siano assurdi i gondolieri fake; sciare a Dubai mentre fuori ci sono +40°; o sciare in Lapponia quando i gradi erano –40; indossare un sari indiano e visitare il Taj Mahal all’alba; essere sempre alla ricerca di nuove mete da scoprire. Essere consapevole di quanto i viaggi mi abbiano fatto crescere….
È difficile spiegare come sia possibile amare così tanto le partenze, ma una volta che hai iniziato a viaggiare, privarsene risulta difficile. Il viaggio non solo rompe la routine, ma crea storie e intrecci che resteranno per sempre con te e ti arricchiranno in una maniera affascinante e unica. Viaggiare è sorprendente, è creativo, è formativo. Non importa se si tratta del weekend a Londra o della transiberiana, ogni giorno fuori casa, offre delle opportunità che chi resta chiuso in casa non potrà mai avere. I ricordi di viaggio sono così preziosi che anche a distanza di anni ti permettono di avere impressi nella mente dei dettagli che agli altri sembrano stupidi e irrilevanti e per te rappresentano tutto. Dettagli che ti fanno sorridere. Ripenso al primo viaggio con gli amici all’isola d’Elba fatto di risate in ogni momento della giornata, al copri orecchie comprato a Bryant Park mentre la neve iniziava a scendere, a quell’abito che ho indossato solo quella volta in navigazione sul Nilo e che mi faceva sentire una regina; a quando ho galoppato a dorso di cammello sulle dune di sabbia di Jaisalmer in India. Ognuno di noi conserva ricordi di viaggio che fanno stare bene ed è per questo che non dobbiamo mai smettere di farlo.
Tutti dovrebbero poter avere questa possibilità, nel proprio Paese e all’estero, perché nessuna scuola ti insegna quanto l’esperienza del viaggio, né ti dona la ricchezza che queste esperienze riescono a trasmetterti. E allora, pianificate e partite. Domani, tra un mese o tra un anno, quando potete, partite.


Copyright © 2011 Pacific Travel Srl
Via Martini, 11 - 51016 Montecatini Terme (PT)

 

Maggiori informazioni

Phone: +39 0572 73028 Email: info@pacifictravel.it
www.pacifictravel.it Facebook