NEWS OTTOBRE DA PACIFIC TRAVEL
 
Pacific Travel Con noi ovunque
 
giovedì 8 ottobre 2015 Home

NEWS OTTOBRE DA PACIFIC TRAVEL

ANDIAMO IN VIETNAM

Partiremo il 15 novembre da Montecatini, con nostro accompagnatore per tutta le durata del viaggio, e vi porteremo alla scoperta di un paese fra i più affascinanti del Mondo: il Vietnam.
Visiteremo tutto il Vietnam da nord a sud, per perdersi nei colori di Hanoi, incantarsi nella splendida baia di Halong e finire ammaliati a Hué con il suo “Passo delle Nuvole” e la Cittadella Imperiale.
Viaggiare in Vietnam è un continuo alternarsi di sensazioni, un cambio continuo di ritmi: nella vita di città, nello scorrere dell’acqua, tra le foreste, nei piccoli villaggi al margine del mare verde brillante delle risaie. Ammaliati dalla serena baia di Halong, immersi tra i colori intensi dei mercati delle nord o in quelli galleggianti del delta del Mekong, avvolti dal caotico traffico delle grandi città, sbalorditi tra le vestigia dei siti archeologici, ogni nostra percezione è un viaggio, ogni nostra memoria un caleidoscopio di immagini.
Tutte le visite con gruppo esclusivo e guide in italiano.Tutti i pasti inclusi.
CLICCA QUI PER VEDERE IL PROGRAMMA DI VIAGGIO

BAIA DI HA LONG .....UN VIAGGIO IN PARADISO

Mentre ero in Vietnam ho visitato il paradiso.

Dove si trova? In un’insenatura del golfo del Tonchino, in territorio vietnamita ed è la Baia di Ha Long.

Fa parte della provincia di Quang Ninh e comprende circa 3000 isolette calcaree con numerose grotte carsiche.
Vietnam 4 300x200 Vietnam, Baia di Ha Long: il mio viaggio in paradiso In lingua vietnamita il termine “Hạ Long” significa “dove il drago scende in mare”, perchè una leggenda locale racconta che molti anni fa durante un combattimento fra i vietnamiti e gli invasori cinesi, gli dei mandarono una famiglia di dragoni per aiutarli. Questi dragoni iniziarono a sputare gioielli che si trasformarono nelle isole ed isolotti che punteggiano la baia, unendoli poi per formare una muraglia contro gli invasori. Le persone salvarono la propria terra e la trasformarono in quello che poi sarebbe diventato il Vietnam. Il luogo in cui atterrò il dragone madre venne chiamato Hạ Long, il luogo in cui arrivarono i figli prese invece il nome di Bái Tử Long (Bái: essere al seguito di, Tử: figli, Long: dragone), ed il posto in cui i figli agitarono violentemente le proprie code venne chiamato Bạch Long Vỹ (Bạch: colore bianco della schiuma, Long: dragone, Vỹ: coda).
Dal 1994 questo luogo magico è patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.
Alcune isole ospitano villaggi galleggianti di pescatori che setacciano le acque poco profonde alla ricerca di 200 specie di pesci e 450 di molluschi. La maggior parte delle isole hanno preso il nome dalla propria forma: tra queste ci sono Voi (elefante), Ga Choi (artiglio da combattimento) e Mai Nha (tetto). Soltanto 989 isole hanno avuto assegnato un nome. Oltre i pescatori dei villaggi galleggianti, le isole sono abitate da antilopi, scimmie e iguane.
Vietnam 1 300x200 Vietnam, Baia di Ha Long: il mio viaggio in paradiso Si arriva da Hanoi in pullman, sono circa 164 kilometri a nord est dalla capitale vietnamita, il viaggio è estenuante, si arriva a pezzi per vari motivi: la distanza, le strade, i pullman non proprio comodi.
Hanoi è una città con una onnipresenza di motorini, componente della vita del Vietnam e assolutamente da menzionare. Sui motorini i vietnamiti fanno ogni cosa: dormono, mangiano, conversano, mandano sms mentre si destreggiano nel traffico caotico, ci trasportano di tutto e in tali quantità da far invidia ad un furgone dei traslochi…! E ovviamente, suonano! Eh si, perché per i vietnamiti è essenziale suonare il clacson, prima di sorpassare, durante il sorpasso e anche dopo e a questi avvisi, ovviamente rispondono in coro anche gli altri, in una continua cacofonia di rumori. È talmente insito nella loro natura che anche quando, raramente, c’è la strada libera, loro suonano lo stesso, così, per sentirsi vivi!

Inoltre, a causa dei programmi statali vietnamiti di vendita a cui non vengono meno, in mezzo a questo lungo scomodo viaggio, ti mettono anche un’ora di “pausa tecnica” in un centro commerciale di artigianato locale, dove anche il caffè è pessimo, ma non c’è verso di evitare questa tappa.
Finalmente dopo circa sei ore di viaggio infernale, si arriva al porto di Bai Chai, dove i viaggiatori vengono smistati in gruppi a seconda delle imbarcazioni e si offre loro una bevanda piacevole e fresca.
Vietnam 3 300x200 Vietnam, Baia di Ha Long: il mio viaggio in paradiso Si vedono gli isolotti in mezzo a quello che pur essendo mare sembra un lago e si inizia a percepire la differenza fra il traffico e gli ingorghi di Hanoi e la pace a cui ci si appresta, sembra improvvisamente entrare in una nuova dimensione. Arrivare in questa baia dopo il traffico e i rumori di Hanoi affascina perché si apprezza il silenzio e la dimensione di pace, quasi onirica.
Con un gommone ci si trasferisce in una delle giunche a vela con cui si farà la minicrociera. Ce ne sono i tutti i tipi, belle, antiche, di legno, grandi, piccole, è una vera e propria organizzazione turistica, io sono stata in una bellissima giunca con due alberi, dieci cabine e uno splendido spazio comune all’aperto, come una “terrazza” sul mare, molto ben arredato con delle chaise long in vimini e legno, tutto molto vintage, in mezzo  alla più bella baia che io abbia mai visto al mondo.
Non lontano dal confine  Cinese, ci si ritrova in mezzo alle tante isolette, un posto splendido e incantato: il paradiso appunto. Malgrado la stanchezza, non si smette di guardare, non si può dormire e privarsi del panorama di queste magnifiche isole. La gioia che la natura ti trasmette con la sua bellezza è commovente. Sembra che quasi stai acchiappando il senso della vita, ma il rifluire del day by day ti riporta indietro e ti confonde.
Quando sei così vicino alla magnificenza della natura è quasi il momento che stai dando un senso a tutto e questo l’ho già provato in Tanzania guardando i leoncini piccini e le carcasse lasciate dagli sciacalli, la vita e la morte lì avevano un senso compiuto, nella Baia di Ha long guardare quel mare totalmente piatto con gli scogli poggiati ti dava un il senso di un qualcuno che aveva organizzato questo meraviglioso parco della natura non tralasciando nulla, di una mano divina che tocca la perfezione.
Vietnam 5 300x200 Vietnam, Baia di Ha Long: il mio viaggio in paradiso Siamo andati alla volta dell‘isola di Titov, per godere del panorama più bello di tutta la Baia di Halong. L’isola non è niente di particolare, ma tramite una ripida scalinata si arriva alla sommità da cui si ha la più bella visione della baia. A seguire ci siamo diretti verso le grotte di Hang Dau Go, bellissime ed emozionanti, attraverso delle scale a senso unico si passa in una grotta fantastica e ben illuminata e si esce da un’altra parte dove si ritrova il battello, non molto lontano c’è un villaggio galleggiante, dove i vietnamiti cercano di vendere ai turisti i loro prodotti.

Poi continua la navigazione con le luci del tramonto, la visione delle isolette sempre diverse, bellissime, anche la cena a bordo a base di pesce è stata gustosa e raffinata, innaffiata da un vino bianco cileno scelto per festeggiare questa tappa magnifica del nostro viaggio. Le cabine tutte ben arredate, il bagno comodo e la vista sulle isolette bellissima, poi quando è scesa la notte, siccome le isole non sono illuminate, c’era solo nero attorno a noi, allora abbiamo dormito per approfittare di quella buia circostanza pensando al giorno dopo a svegliarci presto per non perderci il panorama mozzafiato. Al mattino la colazione un po’ parca e poi questa veleggiata attraverso sempre nuovi e diversi isolotti, il paradiso terrestre.
Questi due giorni a bordo della tradizionale giunca in legno, accuratamente restaurata, mentre ci si addentra tra la miriade di isole, isolotti, faraglioni e scogliere entro le quali si aprono grotte ove stalattiti e stalagmiti disegnano straordinarie e sorprendenti scenografie, fanno pensare di essere nell’ottava meraviglia del mondo. Ma la vera bellezza di questa crociera è semplicemente quella di navigare e di passare la notte in un vero e proprio angolo di paradiso. Neanche il tempo di rendersi conto di essere in crociera che già è tempo di scendere, normalmente queste crociere non durano mai più di due pernottamenti, l’unico lato negativo è che  molto, moltissimo tempo si perde per i trasferimenti.

Questa la mia toccata e fuga in paradiso!

 

 
 
Copyright © 2011 Pacific Travel Srl
Via Martini, 11 - 51016 Montecatini Terme (PT)

 

Maggiori informazioni

Phone: +39 0572 73028 Email: info@pacifictravel.it
www.pacifictravel.it Facebook