NEWS LUGLIO DA PACIFIC TRAVEL
 
Pacific Travel Con noi ovunque
 
lunedì 21 luglio 2014 Home

NEWS LUGLIO DA PACIFIC TRAVEL

Idea di Viaggio: Scozia

Una terra dove il vento soffia incessante, il clima cambia da un’ora all’altra e i paesaggi sono scenari shakespeariani, allestiti tra grifagni castelli in bilico su cliffs a strapiombo, coste polverizzate e frastagliate in miriadi di isole e arcipelaghi, villaggi ai margini di fiordi scavati tra laghi stretti e magri, fattorie isolate, montagne pietrose e arruffate che s’alzano direttamente dalla pianura come giganteschi monoliti. Il Ben Nevis, che svetta accanto a Fort Williams, è la più alta montagna inglese. Il Loch Lomond, che scintilla placido a qualche chilometro da Glasgow, è il più vasto lago d’Inghilterra. “Tutto – ribadiscono gli Scozzesi – qui da noi è più grande”. Tutto in Scozia diventa estremo, anche la natura.

Glasgow è la porta d’ingresso nella Scozia centrale e nelle Highlands, il punto di partenza per esplorare la regione. Lasciate alle spalle le ciminiere e i grigi condomini di periferia, ci si ritrova catapultati tra muretti a secco, mandrie e greggi al pascolo, villaggi sperduti e distillerie che spandono nell’aria un inconfondibile, ribollente profumo. Qui ha inizio la regione dei parchi naturali, il far west della Scozia. Il Trossachs è stato il primo parco nazionale del paese: 1.865 kmq di colline, montagne, fiumi e foreste in cui il Loch Lomond s’insinua come una striscia d’argento dai contorni sfumati dalla bruma. Dal moletto di Balmaha barche e battelli s’inoltrano tra le rive rocciose e i canneti dove strepitano, cinguettano e pigolano migliaia di uccelli. Nascosto tra i villaggi che sorgono lungo le sponde, Inchcailloch, l’isola delle suore, che nel Medioevo fu rifugio di tre missionarie venute dall’Irlanda, è lo scalo più singolare e suggestivo. Al termine di un’impervia salita, il contorno irregolare del Lomond si disegna tutt’intorno all’orizzonte, tra isolotti sperduti e macchie boscose a pelo d’acqua. Appena più a nord, vicino al Loch Earn, paradiso dei pescatori di trote, ha inizio la terra dei clan, degli eroi celtici: da quelli della realtà storica come Rob Roy, la cui tomba nel villaggio natale di Balquhidder è meta di un pellegrinaggio incessante, a quelli immaginari come Connor MacLeod, l’immortale highlander hollywoodiano. Persino un eroe dei nostri tempi, emblema dello stile british , l’agente 007, ha ambientato la sua casa natale del film Skyfall nella vallata di Glen Coe, una gola che s’allunga come una lama tra pareti di roccia a strapiombo nei pressi di Fort William.

L’A86 punta da Fort William verso il cuore verde delle Highlands, di cui il parco dei monti Cairngorms costituisce uno dei luoghi più suggestivi e incontaminati; nei pressi di Aviemore, il bosco di Rothiemurchus, ultimo lembo della foresta caledoniana che ricopriva il Nord Europa, e la riserva naturale del Loch Garten, paradiso dei birdwatchers a caccia di ospreys, i falchi pescatori tornati di recente a nidificare in Scozia, sono tra gli ecosistemi del parco più visitati da naturalisti e appassionati di trekking. Da Aviemore l’A9 scivola verso Pitlochry in una nebbiolina spettrale che la pioggia, incessante, sottile e tignosa, non riesce a diradare. Prima di arrivare in città è d’obbligo una visita al Blair Castle, antica residenza dei duchi di Atholl che con le sue hall in stile baronale scozzese, i suoi sontuosi saloni vittoriani, i suoi giardini georgiani e un parco che sembra uscire direttamente da un quadro di Turner, pare una scheggia di Old England incastonata nel paesaggio ruvido delle Highlands.

Pitlochry, con i suoi store e i suoi outlet è la meta dei fanatici del tartan e dei kilt pret à porter: infatti il costume tradizionale è più che mai in voga nei pub, nelle cerimonie ufficiali e nelle gare sportive locali. Da maggio a settembre, nei principali centri delle Highlands, squadroni di nerboruti in gonnellino e scarpe da ginnastica si sfidano, durante gli Highlands Games, in virili gare di lancio del tronco o di tiro alla fune. In un sussulto di orgoglio scottish, rinfocolato dall’istituzione del parlamento di Scozia, è tornato di moda tra i giovani persino il feileadh mhor, il kilt alla Braveheart che, drappeggiato tra spalle e fianchi, è stato prima simbolo del nazionalismo e è ora la metafora fashion dell’indipendenza. Un altro orgoglio locale, in città, è la minuscola distilleria di Edradour, la più piccola di Scozia, ma anche una delle più rinomate per l’eccellenza assoluta del suo single malt.

Essentia. L’essenza stessa di un viaggio

“Ne cristiano ne pagano, saraceno o tartaro, ne nessun uomo di nessuna generazione vide mai ne cercò tante meravigliose cose del mondo come fece messer Marco Polo” (Rustichello da Pisa: Il Milione, Capitolo I anno 1298)

Con questa nuova collezione di itinerari inediti,  vogliamo presentarvi un prodotto che ricerca sensazioni, dedicato a coloro che al ritorno da un viaggio vogliono portare con se ogni sfumatura, ogni suono e ogni emozione che il mondo può regalare.
Cos’è Essentia?
La volontà di scoprire, di affrontare percorsi spesso difficili e impegnativi, dove le strutture alberghiere possono risultare molto semplici ed essenziali, talvolta rappresentate da campi tendati dove è richiesto l’aiuto dell’ospite per la sua installazione. Essentia è un’immersione totale nella cultura e nelle tradizioni locali, come la cucina: nessun ristorante gourmet, nessuno chef stellato. Questi itinerari possono prevedere talvolta anche piccoli ristoranti tradizionali, specialità semplici e a volte improvvisate. Essentia è l’emozione stessa della scoperta, è il brivido che proviamo sulla pelle quando il nostro sguardo si riempie di immagini e colori. Essentia è un’immersione nella storia e nell’archeologia, attraverso luoghi che furono la culla di civiltà antiche. E’ il contatto con popoli lontani e misteriosi, dalle tradizioni spesso bizzarre ma autentiche, E’ l’esplosione della natura, con il suo profumo inconfondibile e il suo ritmo scandito da milioni di anni di evoluzione.
E’ la sabbia di un deserto e il silenzio di un ghiacciaio, è il richiamo di antichi esploratori che per noi hanno segnato il percorso..
E’ il corso di un fiume o la vastità di un oceano, è la vetta di una montagna che dall’alto ci osserva da millenni.
Forse, Essentia è semplicemente un mondo nuovo, il nostro, ideato per regalare tutto questo. Per consegnare nelle mani dei nostri clienti le stesse sensazioni che proviamo quando con i nostri occhi osserviamo paesi vicini e lontani.
E’ la passione che ci legherà ad un nuovo viaggiatore. L’esploratore Essentia……
EXPLORER
L’itinerario “avventura” che coniuga le esigenze di un vero esploratore a viaggi dai contenuti disegnati per vivere autentiche esperienze. Alcuni di essi possono prevedere sistemazioni semplici, campi tendati a cui è richiesto l’aiuto del partecipante per l’installazione delle tende o per la preparazione dei pasti: o ancora dove sono previsti trasferimenti lunghi e scomodi, in auto così come a piedi, ma dove il fine ultimo è raggiungere luoghi indimenticabili.
HISTORY
Attraverso i passi della storia, itinerari disegnati per coloro che viaggiano alla ricerca dei luoghi che hanno ospitato, e scritto, le pagine della storia dell’uomo. Archeologia, cultura, antiche tradizioni dove la scoperta è rivolta all’osservazione di ciò che l’uomo è riuscito a costruire durante millenni di evoluzione.
WILDLIFE
Il viaggio per l’amante della natura: unica, selvaggia e autentica. Itinerari ricolti all’esplorazione di parchi nazionali e aree remote, con la possibilità di effettuare fotosafari indimenticabili e osservare paesaggi mozzafiato, o ancora percorsi dove l’unico denominatore comune è un’immersione totale in ambienti integri, ancora poco intaccati dalle rotte turistiche di massa. Veri e propri teatri della natura.

Nuove normative di sicurezza

Con effetto immediato è stata attivata una nuova procedura relativa ai controlli di sicurezza per l’ingresso o il transito negli Stati Uniti d’America riguardante l’imbarco con “dispositivi elettronici” al seguito.

La Normativa della TSA (Transportation Security Administration) prevede programmi di controllo aeroportuali sui viaggiatori in partenza ed in arrivo, in particolare per quanto concerne i dispositivi elettronici a batteria (telefoni cellulari, smartphone, tablet, PC, ecc.) destinati al bagaglio a mano.

La nuova regola impone una ulteriore operazione di controllo precedente all'imbarco, con gli agenti della TSA che saranno autorizzati a richiedere ai passeggeri di poter verificare lo stato della batteria dei dispositivi digitali in loro possesso: tali apparecchiature dovranno avere la batteria carica, nel caso ne venga chiesta l’accensione per verificarne la funzionalità, escludendo siano altrimenti possibili ordigni.
Qualsiasi dispositivo che non potrà essere acceso verrà sequestrato ed il passeggero potrebbe essere soggetto a verifiche supplementari fino al negato imbarco sul volo.
Tale pratica di controllo riguarderà, oltre agli scali americani, un elenco ancora non definito di aeroporti presenti in Europa, Africa e Medio Oriente, tra cui certamente gli scali londinesi.

Informazioni ufficiali sul sito http://www.tsa.gov/

Tassa Annuale sul Passaporto

Dal 24 giugno 2014 è abolita la tassa annuale del passaporto ordinario da € 40,29. Pertanto tuti i passaporti, anche quelli già emessi, saranno validi fino alla data di scadenza riportata all'interno del documento per tutti i viaggi, inclusi quelli extra UE, senza che sia più necessario pagare la tassa annuale da € 40,29.

Copyright © 2011 Pacific Travel Srl
Via Martini, 11 - 51016 Montecatini Terme (PT)

 

Maggiori informazioni

Phone: +39 0572 73028 Email: info@pacifictravel.it
www.pacifictravel.it Facebook